Fototerapia psoriasi per curarsi in inverno

trattamento fototerapia mani psoriasi

Fototerapia psoriasi per curarsi in inverno

La fototerapia psoriasi costituisce un efficace rimedio contro questa anomalia della pelle. Ma in inverno, quando non è possibile esporsi alla luce del sole, come fare? Possiamo affidarci alla tecnologia medica che simula gli effettio del sole. Ecco come.

Fototerapia psoriasi: l’effetto del sole senza i danni

La psoriasi è una anomalia della pelle, o meglio della crescita di quest’ultima. responsabili sono i cheratinociti, cellule dell’epidermide che causano la comparsa di chiazze rosso vivo e di pelle dequamata. Da tempo si è capito che il sole ha un effetto benefico su questo disturbo della pelle cronico. Infatti, dopo l’esposizione al sole le chiazze diminuiscono fino a sparire. Ma in inverno, quando non è possibile beneficiare dei raggi del sole, bisogna affidarsi a macchinari capaci di contrastare la psoriasi senza causare tumori della pelle. Ecco da dove nasce la fototerapia psoriasi. Ma come funziona?

Fototerapia psoriasi come funziona

La fototerapia psoriasi è una terapia che sfrutta macchinari in grado di utilizzare i raggi UV (UVA o UVB) in maniera da curare proprio gli effetti di questa anomalia della pelle. I macchinari sono in grado di dosare la quantita di raggi ultravioletti e limitare al massimo i danni per la pelle. Sappiamo bene che una ecce3ssiva esposizione al sole causa il fotoinvecchiamento e può portare alla comparsa di tumori.

Per rendere più efficace il trattamento spesso si procede prima della seduta a somministrare al paziente dei farmaci fotosensibilizzanti.

I raggi ultravioletti vanno a combattere l’infiammazione che rende rosse le chiazze e accelerano la proliferazione delle cellule cutanee. Questo tipo di macchinari differiscono da quelli utilizzati per l’abbronzatura. Quindi le lampade per psoriasi non sono quelle comunemente in possesso dei centri estetici.

Per effettuare questi trattamenti è necessario quindi affidarsi a centri specializzati e soprattutto è importante essere seguiti da un medico per evitare possibili complicazioni ed essere consapevoli delle contro indicazioni.

Quali lampade usare

In alcuni casi si utilizza la fototerapia uvb che usa questi raggi a banda stretta. L’esposizione può avvenire direttamente sulle placche se localizzata oppure su tutto il corpo se più diffusa.

Oggi una terapia molto diffusa è la terapia puva che sfrutta i raggi UVA, in concomitanza con psoraleni, sostanze fotosensibilizzanti. Questo trattamento si utilizza con pazienti con psoriasi media o severa e i trattamenti possono essere molto lunghi.


Esistono poi laser ad eccimeri che sono usati per curare psoriasi leggera localizzata ad esempio sul cuoio capelluto e sulle mani o piedi. In questo caso si indirizza la luce a 308 nanometri direttamente sulle placche.

Controindicazioni fototerapia psoriasi

Come tutte le terapie, esistono delle controindicazioni alla fototerapia psoriasi. Non possono sottoporsi a questo trattamento i pazienti che

  • soffrono di LES o lupus
  • assumono farmaci fotosensibilizzanti
  • abbiano sofferto di tumori della pelle
  • soffrano di disturbi maniacali o depressione

Autore:

Alessandra De Marco

Webwriter, traduttrice, profuga della ricerca, appassionata di marketing. Ho lavorato nella comunicazione, nell'università, e nel customer service, vivendo a cavallo tra Italia e Inghilterra.